cheap cialis online
  • Français
  • English
  • German
  • Spanish
  • Italian
Menu principal
Pagina iniziale
Caravane de la mémoire
Boutique
Savoir-faire
Coup de coeur pour La Prée
Olivier Greif
Etienne-Jules Marey
Maurice Emmanuel
Musique et cerveau
La Mélodie d'Alzheimer
Les RDV d'hier
Notre Histoire, à Massy
Une vie, une passion
Selfworld
Stages
Stages
Liens
Contact
informations in chinese
ABB Reportages Informations in chinese
cv_angela_nicotra

Maurice Emmanuel

La Borgogna



Legami familiari:

maurice_emmanuel1.jpg

   - sua zia Louise JARDEAUX (1841-1922) di Bar-sur-Aube, dove Emmanuel è nato nel 1862,  entra all'Hôtel-Dieu di Beaune come religiosa ospedaliera. Da qui il trasferimento della famiglia Jardeaux-Emmanuel a Beaune nel 1869. Domicilio: 39, rue de Lorraine. Grande ammirazione di M.E. per questa zia notevole e affetto profondo della zia per suo nipote. 
   - suo nonno François JARDEAUX (1811-1889) diventa professore al Collège MONGE. Ha pubblicato un Trattato di matematica e un Trattato di narrativa. 
   - suo padre Francis EMMANUEL (1833-1905) fu rappresentante di vini per la Maison Jacqueminot di Beaune. Fu presidente della Societé de St Vincent-de-Paul a Beaune.
   - il giovane Maurice fu prima allievo dai Frati e poi al Collège Monge - dove ottiene molti riconoscimenti. Un esempio in 4a: primo in eccellenza, secondo alla gara di latino, secondo in versione latina, primo in ortografia, primo nel tema greco, primo nella versione greca, primo in declinazione latina, secondo in storia e geografia, primo in tedesco, primo in recitazione classica,secondo in aritmetica e geometria.

  

Amici della famiglia Emmanuel in Borgogna:

   - famiglie dei compagni di classe di Maurice: da Joseph Bouchard, Alexis Chanson, Maurice Tisserand, Charles Tainturier, Louis Poisot, Marcel Morot...
   - famiglie amiche dei genitori di Maurice: i Marey, iChazalette, i Masson, i Poisot...
   - la famiglia del marchese Paul d'Ivry (castello di Coraboeuf a Ivry-en-Montagne)  

  

Mentori di M. E. In Borgogna:

   - il marchese Paul d'IVRY (1829-1903): compositre. Incoraggiò M.E. ad intraprendere la carriera musicale, fu confidente e suo consigliere, lo raccomandò a Léo Delibes.
   - Charles POISOT (1822-1904): compositore, musicologo, pedagogo, fondò il Conservatorio di Digione nel 1868. Sostenne la vocazione musicale di M. E. Era lo zio dell'amico intimo d'Emmanuel, Marcel POISOT - medico. 
   - Charles BIGARNE (1818-1911): folklorista di Beaune - che fece comprendere a M.E. La natura modale delle chansons bourguignonnes.
   - René BERTRAND, direttore del Giornale di Beaune, per il quale M. E. Scrisse dei bei testi sui paesaggi della Borgogna. 
   - Etienne-Jules MAREY (1830-1904): il grande scenziato permise a M.E. di usare il suo cronofotografo per la sua tesi sulla Danza greca antica - e M.E. poté, nel suo laboratorio, ricostruire i movimenti dei danzatori greci a partire dalle immagini delle figure sui vasi... MAREY sostenne la candidatura di Emmanuel ad una cattedra al Collège de France.
   - Henri JOLY (1839-1925): professore di filosofia a Digione, poi alla Sorbona. Emmanuel seguì i suoi corsi a Parigi insieme a Maurice BLONDEL (1861- 1949). Autore di Ricordi universitari, ricordi borgogni, Parigi, Bloud & Gay, 1922.

  

Amici borgognesi di Emmanuel :

   - Maurice BLONDEL (1861-1949) : M.E. assiste nel 1893 alla sua discussione di tesi sull'Azione. M. Blondel ammirerà molto la sua musica.
   - André BLONDEL, fisico, cugino del filosofo (1863-1938): importante correspondenza tra i due amici. 
   - Marcel MOROT  (Date: 1860-62 - Anni 1940): compagno di classe, amico intimo, padrino della figlia di Emmanuel, industriale: ha percorso con M.E. La Montagna di Beaune. Circa 75 lettre indirizzate a M.E. Lungo viaggio in Grecia. Lettere di guerra appassionanti. 
   - Charles MASSON (1854-1931): soprintendente aggiunto del Musée du Luxembourg - cugino dei Poisot.
   - Raymond SALEILLES (1855-1912): di Beaune, professore alla Facoltà di Diritto di Parigi, autore de L'individualizzazione della pena, 1898. Padrino del figlio di M.E. , Frank Emmanuel.
   - Gaston DAGALLIER e sua sorella Suzanne, figli di Marguerite Dagallier (1839-1907): famiglia imparentata con la famiglia Poisot.
   - Edouard ESTAUNIE (1862-1942): scrittore e ingegnere, naot a Digione. Membro de l'Académie française. Grande amico di Emmanuel.
 - Mgr René MOISSENET (1850-1939): canonico e direttore della Maîtrise de Saint-Bénigne di Digione. Amico intimo di Emmanuel con il quale ha scambiato un numero considerevole di lettere - molto dirette - dal 1900 fino alla sua morte. É Mgr Moissenet che raccomandò Emmanuel alla curia di Santa Clotilde per il posto di maestro di cappella.

 

Le Decadi di Pontigny (Yonne):

Lanciate nel 1910 da Paul DESJARDINS (1859-1940), uomo di lettere che aveva comprato l'edificio conventuale dell'abbazia di Pontigny nel 1906, le "decadi" furono un luogo di incontro eccezionale per un gran numero di intellettuali francesi ed europei - dal 1910 al 1914, poi dal 1922 al1939. Maurice Emmanuel vi si recò più volte e vi trovò la calma di un ritiro e la stimolazione dei colloqui con i suoi pari di tutte le discipline: scrittori della NRF, filosofi, personalità religiose etc. 
Paul Desjardins faceva visitare ai suoi ospiti i più bei luoghi della Borgogna, come Vézelay o Auxerre o Noyers-sur-Serein...
É a Pontigny che Emmanuel fece la conoscenza di Jacques COPEAU (1879-1949) con cui simpatizzò molto. Copeau fece cantare dai suoi « Copiaus » le chansons bourguignonnes armonizzate da Emmanuel.
A Pontigny, Emmanuel nutrì relazioni con André Michel, Henri Ghéon, Francis Viélé-Griffin, Raymond Schwab, Jean Schlumberger, il pastore Sabatier, Louis Canet, Gabriel Marcel, etc.

  

Altre relazioni bourgognesi:

   - con gli interpreti: Emile POILLOT, pianista e organista (1886-1948) a St Bénigne
       Maurice MARECHAL, violoncellista, nato a Digione (1892-1964)
       Hortense de SAMPIGNY, violinista, che suonò a Auxerre la Suite su arie popolari greche il 9 settembre 1917.
   - con la poetessa di Auxerre MARIE NOËL (1883-1968): negli anni 1930.
  - con Paul BERTHIER, compositore di musica sacra (1885-1953): di Auxerre. Raccomanda Marcel CHAILLEY (violinista) a M. E. Alla richiesta di suo          figlio Jacques CHAILLEY - futuro allievo e di M.E. e profesore di musicologia alla Sorbona. 

Opere ispirate dalla Borgogna: 
1. La 1a Sonatina, detta Bourguignonne : opus 4, composta nel 1893, pubblicata nel 1923 da Heugel. Dedicata a Isidore Philipp.
2. Le XXX Canzoni bourguignonnes della Città di Beaune: 1913. Edite da DURAND nel 1917.


In Borgogna, Emmanuel ammirava:

   - i paesagi e i monumenti: ha lottato per la conservazione delle mura di Beaune, per il patrimonio architettonico ad Avallon, a Auxerre etc.
 - i musicisti borgognesi: Jean-Philippe RAMEAU (Emmanuel ha partecipato all'edizione monumentale delle opere a cura di DURAND, tomo XVII: Pygmalione, Le sorprese dell'amorer, Anacréon, etc. 1913) Emmanuel ne ha fatto un grande elogio nella sua Storia della lingua musicale, p. 469-475, Parigi, Laurens, 1911.
   - l'arte corale borgognese del XV secolo : cf. Il suo discorso all'Accademia delle Scienze, Arti e Letetre di Digione, pronunciato nel gennaio 1925, in occasione di una sessione solenne in onore della Maîtrise di Dijon. É Edouard Estaunié che ricevette Emmanuel in seno all'Accademia... L'arte corale borgognese fu pubblicata delle Memorie dell'Accademia nel gennaio 1925.

 


Qualche citazione:

maurice_emmanuel2.jpg«Ammirevole davvero il nostro "paese di Beaune" e vario fino al miracolo! Puvis de Chavannes vi veniva spesso per dilettarsi alla luce che, nel mese di ottobre, dora le colline e rende blu la pianura. E aveva una predilezione per Fontaine-Froide, il cui paesaggio, al contempo semplice e sontuoso - prati luminosi e filari di alberi in primo piano, pendii boscosi, scuri - è stato uno dei modelli viventi delle sue grandi composizioni decorative. Molte volte durante la notte vide, alla Combe-aux-Chevaux o la Danse-des-Dames, le ombre piatte dei monti e delle foreste che si allungano sull'erba a leccarne il fiume » (Maurice Emmanuel, prefazone del libro di René Bertrand, Coins de Bourgogne, 1 ottobre 1918)
« [...] Sempre più potrete far fiorire tutti i vostri doni più ricchi, tutte le conquiste della vostra fatica così perseveranti e ammirevolmente condotte. Voi siete una grande forza per il bene, caro saggio e caro artista, tutto sapete conciliare a un grado eminente, l'ispirazione e il metodo, il culto del bello e del santo [...]» (Maurice Blondel, lettera del 15 novembre 1909, indirizzata a Maurice Emmanuel in occasione della sua nomina alla cattedra di Storia della musica al Conservatorio di Parigi).



Nel 1988, si celebrò in più luoghi (Beaune, Digione, Pontigny, Mâcon, Tournus...) il 50° anniversario della morte di Maurice Emmanuel. Il nostro desiderio sarebbe nel 2012 si possa celebrare con altrettanto entusiasmo il 150° anniversario della sua nascita.


LES  AMIS  DE  MAURICE  EMMANUEL
30 rue Céline
92160 ANTONY
Tél. 01 46 66 12 29
Mail:  Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo



Referenze: per questa sommaria esposizione, mi sono appoggiata al libro di Christophe CORBIER, Maurice EMMANUEL, Parigi, bleu nuit éditeur, 2007 (collezioni orizzonti diretta da Jean Gallois) et sul Bulletin des Amis de Maurice Emmanuel n° 2, intitolato Maurice Emmanuel e la Borgogna, primavera 2006.
Anne Eichner-Emmanuel, presidente dell'association
nipote del compositore

 

 
< Prec.   Pros. >